Italian

Ambiente

PARCO COMUNALE DEL CORMOR

Comprende una vasta area tra il sottopassaggio della ferrovia, Villa Primavera, Parco Riviera e il letto del torrente Cormor, fino al guado di Basaldella. Di notevole interesse naturalistico per la conoscenza dell'ambiente boschivo e della flora spontanea della nostra regione, il Parco è oggetto di interventi di restauro ambientale per eliminare erosioni di sponda nell'alveo del torrente e negli ambiti naturalistici più prossimi.

Ha un'estensione di 82 ha. e comprende anche altre aree pubbliche e private ritenute indispensabili al mantenimento dell'equilibrio ecologico e delle caratteristiche ambientali. I periodi consigliati per la visita sono la primavera e l'estate, momento in cui la maggioranza delle piante fiorisce offrendo ai visitatori un'oasi di verde e di pace alle porte della città.

Il Comune di Campoformido ha istituito il Parco Comunale del Cormor all'interno di aree ben delimitate quali la strada vicinale detta Taz, il roccolo e il bivio strada detta Silvis, fino al sottopasso della ferrovia con piste ciclabili, piste pedonabili e percorsi vita.

Gli antichi terrazzi fluviali mantengono ancora il tipico paesaggio dominato dai prati magri, i quali, un tempo presenti in tutta la pianura, derivano dalla colonizzazione erbacea delle alluvioni wurmiane e più recenti o dal taglio dei boschi che ricoprivano parte della pianura e costituiscono uno dei centri di massima diversità biologica dell'Alto Friuli.

Nelle siepi rimaste la componente arborea è stata in gran parte sostituita dalla robinia, una leguminosa di origine americana. Gli arbusti sono invece ancora costituiti da biancospino, sanguinella, rosa canina, fusaggine, ligustro, prugnolo.

BOSCHETE FURLANE

Si tratta di un parco boscato, caratterizzato da un alto contenuto formale e da un numero notevole di manufatti e di alberi e arbusti ornamentali, che fornisce un paesaggio simile, nei suoi elementi costitutivi, a quello di una natura addomesticata ma non stravolta dalle attività umane. Suddiviso in cinque zone, alcune destinate a parcheggio, altre alle passeggiate e allo sport, il parco è isolato dal traffico e si presta ad un uso ricreativo intensivo per singoli e per gruppi di persone. Le piante utilizzate sono tipiche delle colline e della pianura friulana e contribuiscono a mantenere inalterato l'equilibrio faunistico del territorio.