ALBO DEI GIUDICI POPOLARI

È l'elenco delle persone idonee all'ufficio di giudice popolare presso la Corte d'Assise di primo e secondo grado costituito dai nominativi dei cittadini che risultano in possesso dei requisiti richiesti dalla legge. L'iscrizione è obbligatoria ed è privista dalla legge 10 Aprile 1951, n. 287 che all'art. 11 dice testualmente "L'Ufficio di Giudice Popolare è obbligatorio". L'iscrizione permane fino a cancellazione d'ufficio per perdita dei requisiti prescritti dalla legge.

Requisiti per l’iscrizione all’albo dei Giudici Popolari per la Corte d’Assise
- residenza anagrafica nel Comune
- cittadinanza italiana
- godimento dei diritti politici
- buona condotta morale
- età non inferiore ad anni 30 e non superiore ad anni 65
- assolvimento alla scuola dell'obbligo

Requisiti per l’iscrizione all’albo dei Giudici Popolari per la Corte d’Assise d'Appello
 - residenza anagrafica nel Comune
- cittadinanza italiana
- godimento dei diritti politici
- buona condotta morale
- età non inferiore ad anni 30 e non superiore ad anni 65
- diploma di scuola media superiore, di qualsiasi tipo

Sono esclusi dall'ufficio di Giudice Popolare:
- i Magistrati ed i funzionari in attività di servizio appartenenti o addetti all'Ordine Giudiziario
- gli appartenenti alle Forze Armate dello Stato ed a qualsiasi organo di Polizia anche se non dipendente dallo Stato, in attività di servizio
- i Ministri di qualsiasi culto ed i religiosi di ogni ordine e congregazione

L'iscrizione viene fatta d'ufficio da parte del Comune ogni due anni.  Al cittadino è richiesto di fornire i dati che gli vengono richiesti al fine di formare gli elenchi con tutte le informazioni necessarie.

Entro il 31 luglio di ogni anno è possibile presentare domanda di iscrizione agli Albi.

Normativa di riferimento
Legge 10 aprile 1951, n. 287 ; Legge 405/1952, art. 3, Legge 1441/1956 art. 27.